Intervista con Anna Maria Horner

Da pochi giorni sono disponibili per te meravigliosi tessuti in cotone dei designer Free Spirit Joel Dewberry e Anna Maria Horner. Visto che sicuramente sarai interessato anche tu a sapere chi siano questi due designer e cosa li ispiri, li abbiamo intervistati e abbiamo riportato qui le loro risposte. Intervista con Anna Maria Horner Nome: Anna Maria Horner
Data di nascita: 31.07.1972
Luogo di residenza: Chicago, Illinois
Formazione: Laurea triennale in storia dell'arte con focus sul disegno presso l'Università del Tennessee
Filosofia di vita: Sii amichevole.

Come hai cominciato a lavorare come designer di tessuti?
Sono stata avvicinata nel 2006 dall'ex capo del dipartimento di design del marchio Free Spirit a una fiera a New York, dove ho presentato il mio lavoro. Allora l'industria tessile aveva cominciato a cambiare e ad adattarsi all'attualità. Inoltre, i tessuti patchwork dovrebbero cambiare e offrire qualcosa di più rispetto al modello tradizionale.

Descrivi una giornata lavorativa tipo.
Vado nel mio studio dopo che i bambini sono andati a scuola e mio marito a lavorare. Poi comincio la giornata controllando le mie E-Mail e bevendo un caffè. E quando i miei assistenti arrivano nello studio, esaminiamo il piano per il giorno e piani per le prossime settimane, perché ogni settimana c'è qualcosa di nuovo da fare. Se sto progettando dei tessuti spendo un sacco di tempo al mio tavolo da disegno e digitalizzando i design al computer. Inoltre, io disegno e scrivo cartamodelli e modelli di ricamo, così spendo anche un sacco del mio tempo cercando di modificare le immagini e i testi, nonché i modelli per la pubblicazione preliminare. Dare un occhio ai Social Media e pianificare i nostri workshop prende anche del tempo in cui, con il mio team, concordiamo le sessioni di foto e le strategie di marketing. Non sono sicura, quindi, di avere una giornata tipica ... tutti i giorni sono leggermente diversi :).

Qual è lo strumento di lavoro che utilizzi maggiormente?
La mia mano destra e una penna.

Come influisce il tuo carattere privato sui tuoi design? Vanno di pari passo?
Penso che le persone che mi conoscono bene direbbero che i miei design mi rispecchiano molto. E 'sempre difficile descrivere se stessi, ma penso di essere amichevole, socievole e piena di energia ... e penso che le stampe esprimano tutto ciò anche abbastanza bene.

Qual è stato il tuo primo successo da designer di tessuti?
La sensazione inebriante che ho sperimentato è stata quando sono arrivati i primi coupon ​​dalla mia prima collezione di tessuti e ho potuto toccare il tessuto di cotone colorato, liscio e bello con le mie mani. La decisione su cosa dovessi cucirci per primo è stata significativa e mi ha quasi sopraffatto. Quello che ritengo il mio primo vero momento di successo è stato quando ho riconosciuto il mio tessuto indosso a una persona sconosciuta per la strada.

Ringraziamo Anna Maria per l'intervista!

Vuoi sapere altro su Joel Dewberry e Anna Maria Horner? Vai sulla loro pagina web e scopri di più sul questi designer di tessuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *